"""Quello che non sapevi sul rastrellamento di dati di Facebook" " "

on TPL_WARP_PUBLISH .

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Non è davvero una novità che Facebook si dedichi a rintracciare i nostri movimenti con sempre più smania. Ogni Mi Piace, ogni contenuto condiviso, ogni click e ogni post vengono immediatamente registrati in un database massivo.

Facebook lo sabe todo sobre nosotros

Adesso risulta che Facebook si sta concentrando anche su un altro aspetto, che chissà non ti sembrerà tanto divertente.

A Facebook gli interessi, e molto

Adesso Facebook registra con esattezza la quantità di tempo che trascorriamo a guardare un post. Questo significa che ogni secondo che impieghiamo muovendoci per la pagina, così come in quei video di gatti che vediamo una media di 3 o 4 volte, sono documentati attraverso il sistema che ha sviluppato Facebook.

Gli algoritmi di Facebook possono penetrare ancora più in profondità nelle nostre statistiche di uso. Gli sviluppatori hanno annunciato che la moderna tecnologia di rastrellamento che usano può riflettere in modo esatto quanto tempo impieghiamo a leggere una determinata storia, così come nel vedere un video in particolare, etc. A voi piace che Facebook si immischi tanto nelle vostre abitudini? A noi non ci fa molto piacere.

Il meccanismo di rastrellamento di Facebook

Facebook sembra superare ogni limite quando si tratta di riempire il nostro muro e profilo con storie che considera interessanti per noi. Supponiamo che voi abbiate già fatto caso a come il vostro profilo si riempie di aggiornamenti dei vostri a mici e pagine che “vi piacciono”.

Ora, Facebook cerca di determinare le nostre abitudini lasciando da parte i tradizionali Mi Piace e simili .

Facebook cerca di indovinare i nostri interessi basandoci nei contenuti che abbiamo segnalato che “ci piacciono”, o che abbiamo condiviso o lasciato un commento. Tuttavia secondo Facebook, questa non è la storia completa riguardo al meccanismo.

Mapa de calor web

Mappa del calore web

 

Potrebbero esserci buone ragioni per cui non dovremmo fare click su una pubblicazione anche se questa ci attrae o ci piace. Per esempio, se qualcuno pubblica notizie sulla perdita di un familiare, potremmo essere interessati alla notizia, e faremmo click su Mi Piace per rispetto a quella persona.

(DESTACADO) Attraverso il tempo che investiamo osservano una storia qualunque, Facebook sa quanto è importante per noi.

Questa tecnologia, certamente, non è nuova. Sono esistiti anteriormente sviluppatori che hanno provato a decifrare il paradigma dei gusti degli utenti durante gli anni. Prima che apparisse Facebook, c’erano “mappe di calore” (che seguivano il movimento del cursore del mouse sullo schermo).

Le statistiche di attenzione on-line ormai vengono ricompilate anche da Facebook. Volgiamo sapere la vostra opinione al riguardo. Vi sentite comodi, o piuttosto, vi fa correre qualche brivido?

 

Il nostro network

Internazionale